MINIMA ANIMALIA

elio minima animalia

MINIMA ANIMALIA

Teatro del Popolo

mercoledì 21 febbraio
turno B – Popolo e Argento Popolo


Parmaconcerti
MINIMA ANIMALIA

voce Elio
pianoforte Roberto Prosseda


In questo insolito programma, Elio e Roberto Prosseda esplorano il repertorio musicale ispirato dall’elemento animale, inteso nelle più varie accezioni.
Si passa dall’animalità “umana”, raccontata con cinismo e ironia nell’Opera da Tre Soldi di Brecht/Weill, alle mistiche visioni dello schumanniano Vogel als Prophet (Uccello profeta), che ci comunicano cose apparentemente prive di una logica umana, eppure ineluttabilmente vere al di là del bene e del male, del dolore o della gioia.
Ancora al mistero del canto degli uccelli è ispirato il brano di Liszt, St. François d’Assise: La prédication aux oiseaux, dove alla contemplazione della natura si aggiunge una spiritualità estatica e sospesa, cui fa eco il canto del celebre Cigno di Saint- Saëns, qui nella versione pianistica di Alexander Siloti. Il percorso si conclude con un ritorno alla graffiante ironia con cui aveva avuto inizio, grazie alle musiche di Luca Lombardi. Dopo due Arie di “ispirazione animale” dalla sua opera Il Re Nudo, che ha debuttato al Teatro dell’Opera di Roma proprio con Elio protagonista, ascolteremo il ciclo di canzoni che dà il titolo anche al concerto stesso: Minima Animalia. Si tratta di brani, su testi di Elio, ispirati ad animali “sottovalutati”, che diventano qui inaspettati protagonisti di un mondo in cui il superfluo assume i contorni dell’ineluttabilità, e la realtà si rivela al contempo surreale e irresistibilmente divertente, se vista attraverso gli occhi di un Criceto o di un Pidocchio.

“Un moscerino ha meno spiritualità di un cigno?”