MARITI E MOGLI

TEATRO POLITEAMAgiovedì 30 novembre 2017 ore 21.00
(Turno Unico – Oro – Argento)

Mariti e mogli

ArtistiAssociati – Pierfrancesco Pisani – Parmaconcerti

MARITI E MOGLI
dalla sceneggiatura del film omonimo di Woody Allen
con MONICA GUERRITORE, FRANCESCA REGGIANI
Ferdinando Maddaloni, Cristian Giammarini e con
Enzo Curcurù, Lucilla Mininno, Malvina Ruggiano, Angelo Zampieri
regia e drammaturgia di Monica Guerritore
_________________________________________________________________
Biglietti disponibili in prevendita anche on-line
___________________________________________________________________________________________________________

Lo spettacolo è tratto dall’omonimo, travolgente, film di Woody Allen alle prese con uno dei suoi argomenti preferiti: le crisi coniugali, i tradimenti. Protagoniste due attrici, Monica Guerritore e Francesca Reggiani, molto diverse ma entrambe amatissime dal pubblico e per la prima volta insieme. Un girotondo amoroso in cui Cupido, bendato e sbadato, si divertirà a scagliare frecce, far nascere amori, divorzi e vari intrighi …

Note di regia
Nella mia scrittura teatrale dalla sceneggiatura del film di Allen tutto accade in una notte piena di pioggia in un luogo che con il passare delle ore diventerà una sala da ballo, una sala d’attesa, un ristorante deserto e che costringe gli otto i personaggi (mariti, mogli, amanti e altro…) “al girotondo di piccole anime che sempre insoddisfatte girano e girano intrappolate nella insoddisfazione cronica di una banale vita borghese” (Allen).
Tradendo le location del film (Manhattan e altro) evoco nel luogo teatrale unico i luoghi delle vite coniugali e nelle simultaneità delle relazioni e degli intrecci clandestini, nelle rotture e improvvise riconciliazioni percepisco le “piccole altezze degli esseri umani” cosi familiari a Bergman, a Strindberg.
E nel perdersi in danze all’unisono su musiche bellissime da Louis Armstrong a Etta James, Cechov e il tempo che intanto scivola via.

“Una comicità centrata sulle tematiche coniugali, ma trattata con grandissima
ironia e intelligenza.”