YVES ABEL direttore

spettacoli28Teatro Politeama
Orchestra della Toscana

lunedì 20 marzo
turno Concertistica


direttore YVES ABEL
violoncello NAREK HAKHNAZARYAN
• BARBER Adagio per archi op.11
• ČAJKOVSKIJ Notturno n.4 per violoncello
e orchestra op.19
• ČAJKOVSKIJ Variazioni su un tema rococò per violoncello e orchestra op.33
• HAYDN Sinfonia Hob.I:102


Yves Abel si è rapidamente imposto come uno dei direttori d’orchestra più interessanti della sua generazione, sia nel repertorio operistico che in quello concertistico. Dal 2005 al 2011 è stato direttore ospite principale della Deutsche Oper di Berlino.
Da Gennaio 2015 è il nuovo direttore principale della Nordwestdeutschen Philharmonie (NWD) di Herford. Ospite regolare delle più grandi istituzioni del mondo, è salito sul podio di teatri quali Metropolitan Opera di New York, ROH Covent Garden di Londra, Wiener Staatsoper, Teatro alla Scala, Opéra National de Paris, Lyric Opera of Chicago, San Francisco Opera, Bayerische Staatsoper di Monaco, Glyndebourne Opera Festival, Rossini Opera Festival di Pesaro, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Comunale di Bologna, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Lirico di Cagliari, Teatro Carlo Felice di Genova, Teatro Nacional de São Carlos di Lisbona, National Theatre di Tokyo. Attivo anche in campo sinfonico, ha collaborato con importanti compagini orchestrali, fra le quali la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra, la Rotterdams Philharmonisch Orkest, la San Francisco Symphony Orchestra, la Netherlands Philharmonic Orchestra, l’Orchestra Haydn di Bolzano, l’Orchestre National de Lyon, la Toronto Symphony Orchestra, la Montreal Symphony Orchestra, l’Edmonton Symphony Orchestra, l’Orquestra Nacional do Porto (Portogallo). Nel corso della stagione 2015/16 ha diretto le produzioni de Le nozze di Figaro alla Deutsche Oper di Berlino, Falstaff al New National Theatre di Tokyo e La traviata alla ROH Covent Garden di Londra.
Yves Abel è direttore musicale dell’Opéra Français de New York, istituzione da lui stesso fondata nel 1988 al fine di rendere noto il repertorio operistico francese di più rara esecuzione. A riconoscimento di questa sua attività gli è stato conferito, nel 2009, il titolo di “Chevalier de l’Ordre des Arts et Lettres” da parte del presidente francese Nicolas Sarkozy.

Il violoncellista armeno Narek Hakhnazaryan è apparso sulla scena internazionale dopo aver vinto il Primo Premio e la Medaglia d’Oro al XIV Concorso Internazionale Čajkovskij nel 2011. Durante il Concorso, il giovane violoncellista ha fortemente colpito l’illustre giuria che includeva Sir Clive Gillinson, Mario Brunello, David Geringas, Ralph Kirschbaum, Lynn Harrell e Krzysztof Penderecki. In seguito alla vittoria del Concorso, ha debuttato con prestigiose orchestre, tra cui la London Symphony Orchestra al Barbican Center e l’Orchestra del Teatro Mariinskj al Festival di Baden-Baden, entrambe dirette da Valery Gergiev, l’Orchestra Verdi di Milano, sotto la direzione di Xian Zhang, l’Orchestra Sinfonica di Tokyo e Ken Takaseki, l’Orchestra Filarmonica di Mosca, l’Orchestra Sinfonica di Gerusalemme, la Chicago Symphony, la Filarmonica di Rotterdam, la Filarmonica di Seoul, la Toronto Symphony, la Filarmonica della Scala con Valery Gergiev e l’Orchestre National du Capitole de Toulouse, collaborando, tra gli altri, con direttori del calibro di Koopman, van Zweden, Sokhiev, Neemi Järvi, Spivakov, Pletnev, Robertson, Bělohlávek.
Narek Hakhnazaryan si è inoltre esibito in numerosi recital in tutta Europa e negli Stati Uniti.
Suona un violoncello David Tecchler del 1698 su gentile concessione di Valentine Saarmaa, nipote del celebre liutaio Jacques Francais.