CONTEMPORARY TANGO

TEATRO POLITEAMA

lunedì 23 aprile 2018 ore 21.00
(Fuori abbonamento)

Contemporary tango

Balletto di Roma, Direzione Artistica Roberto Casarotto

CONTEMPORARY TANGO
coreografia MILENA ZULLO
musiche Astor Piazzolla e AA.VV.
con la partecipazione dei tangueri Marco Evola e Laura Mommi
regia Milena Zullo
_________________________________________________________________
Biglietti disponibili in prevendita anche on-line
___________________________________________________________________________________________________________

L’opera, attraverso l’uso del linguaggio contemporaneo, vuole raccontare un ballo: il tango sociale, che sempre di più sembra diffondersi nel nostro pianeta. Segnale ulteriore del fenomeno della globalizzazione che ancora una volta anche in questo ambito, come nel linguaggio della danza tutta, contamina, unisce, condivide.
Il Tango sociale vissuto non più semplicemente come un ballo, con i suoi passi tipici, ma capace di divenire “racconto” di un modo di sentire tanto diffuso e così capace anche di percorrere con la sua musica ormai tutti i continenti della terra. L’opera creata per il Balletto di Roma esplora una nuova contaminazione tra il linguaggio contemporaneo ed il “minimalismo” dell’incontro tra corpi che parlano di tango: incontro di un linguaggio popolare e sociale con il più ricco e variegato modulo del balletto.
Lo spettacolo narra l’abbraccio del tango, dentro il quale si colmano bisogni, aspettative, sogni, desideri e oblii, un abbraccio che ciascuno esprime arricchendolo del proprio sé e portando in esso tutta quella memoria, consapevole e non, che la vita gli ha tracciato nel corpo. Attraverso un rito che si consuma sempre uguale, in ogni dove, attraversando il tempo, la sala da ballo, propriamente detta Milonga, detta un codice di comportamento, attraverso il quale prende forma il ballo. L’uomo e la donna si ritrovano, come dentro una scatola nuova, superando ogni confine dentro quel mistico abbraccio, ritrovando in se stessi virilità e femminilità.

“Tradizione e modernità si fondono in un racconto danzato di umane passioni, nell’abbraccio sensuale di una musica eterna.”